logo top

























"Souffrir pour quelque chose c’est lui avoir accordé une attention extrême". (Così Omero soffre per i Troiani, contempla la morte di Ettore; così il maestro di spada giapponese non distingue tra la sua morte e quella dell’avversario).
E avere accordato a qualcosa un’attenzione estrema è avere accettato di soffrirla fino alla fine, e non soltanto di soffrirla ma di soffrire per essa, di porsi come uno schermo tra essa e tutto quanto può minacciarla, in noi e al di fuori di noi. È avere assunto sopra se stessi il peso di quelle oscure, incessanti minacce, che sono la condizione stessa della gioia. Qui l’attenzione raggiunge forse la sua più pura forma, il suo nome più esatto: è la responsabilità, la capacità di rispondere per qualcosa o qualcuno, che nutre in misura uguale la poesia, l’intesa fra gli esseri, l’opposizione al male. Perché veramente ogni errore umano, poetico, spirituale, non è, in essenza, se non disattenzione.
Chiedere a un uomo di non distrarsi mai, di sottrarre senza riposo all’equivoco dell’immaginazione, alla pigrizia dell’abitudine, all’ipnosi del costume, la sua facoltà di attenzione, è chiedergli di attuare la sua massima forma. È chiedergli qualcosa di molto prossimo alla santità in un tempo che sembra perseguire soltanto, con cieca furia e agghiacciante successo, il divorzio totale della mente umana dalla propria facoltà di attenzione.

da Gli imperdonabili, Cristina Campo, Adelphi

IN CORSO

sicurezza senza diritti non è libertà

Il clima che si respira nel Paese è cupo, tetro. 

Dall'attacco a Mimmo Lucano all'apartheid dei bambini a Lodi; dall'ennesima violenza con motivazione razziale a Brindisi fino alla rete in stile lager montata a Piazzale Maslax. 

Nella creazione di questo clima, le istituzioni sono in prima linea: a partire dal Viminale, fino ai governatori di regione per arrivare ai sindaci, gli organismi che dovrebbero rappresentare e guidare la società verso un futuro migliore, sono troppe volte attori principali nel diffondere paura, odio, esclusione.


Le barriere che sono state montate intorno al presidio umanitario di Baobab Experience, fanno presagire un imminente sgombero. Ci siamo già passati 20 volte negli ultimi tre anni, ma questa volta la situazione è molto più grave. Dove andranno le 200 persone che dormono nel parcheggio di proprietà di Ferrovie dello Stato? 

Da troppo tempo ormai siamo testimoni di come le questioni sociali, nella nostra città, vengano derubricate a problemi di ordine pubblico. Da anni, anche prima dell'arrivo di questa giunta Questura e Prefettura programmano ed eseguono sgomberi senza preoccuparsi minimamente delle conseguenze sulle persone colpite e, di riflesso, su tutta la città. 

La Sindaca e l'Assessora alle politiche sociali di Roma, Virginia Raggi e Laura Baldassarre, si sono da sempre trincerate dietro la loro impossibilità di opporsi alle decisioni prese dalle forze di polizia o di concordarne diverse tutelando per prime le persone. Oggi, questo atteggiamento da Ponzio Pilato, non può reggere più.

Lo ribadiamo, la sicurezza senza diritti è apartheid.


Sindaca, Assessora: dove andranno una volta sgomberato Piazzale Maslax questi 200 esseri umani? 

Chi li aiuterà nel percorso burocratico per ottenere i documenti come da loro diritto? 

Chi li accompagnerà in questura per evitare che siano respinti senza una ragione? 

Roma è in grado di essere una capitale europea che accoglie e promuove la convivenza, o reagirà isolandosi nella paura? Che idee avete per la città simbolo del diritto d'asilo? 


Di fronte all'ennesimo sgombero annunciato senza alcuna soluzione alternativa, la Sindaca e l'Assessora devono dire chiaramente cosa pensano di fare per le persone che saranno abbandonate in strada. 

Devono dire chiaramente se sono in grado di svolgere il lavoro per il quale sono state elette dalla cittadinanza, o se il governo di Roma risponde ad altre mani.


Per questo invitiamo tutte e tutti a partecipare al tweet storm, mandando un messaggio a partire dalle ore 12:00 alle pagine Twitter e Facebook di Virginia Raggi e Laura Baldassarre con il seguente testo: 


Sindaca @virginiaraggi, Assessora @baldassarrelaur,

chi decide le sorti delle persone in questa città, la Prefettura o il Campidoglio? Vogliamo una soluzione dignitosa e condivisa per gli abitanti di#PiazzaleMaslax subito! #lumanitànonsisgombera, vogliamo #dirittiNONapartheid!



.-.-.-.

#Diciamono al Decreto Salvini


Approvato all'unanimità dal Consiglio dei Ministri il 25 settembre e firmato da Sergio Mattarella il 3 ottobre 2018 , il decreto che intende:

1) incrementare e consolidare il numero di irregolari senza alcuna speranza di integrazione:

- abrogando il riconoscimento del permesso umanitario;

- prolungando i tempi di trattenimento per gli irregolari da 90 a 180 giorni;

- ridimensionando il sistema di accoglienza (SPRAR), che Salvini avrebbe voluto smantellare;

- attraverso il passaggio delle spese per il ricorso in appello dopo il diniego, dallo Stato al richiedente asilo.

2) scoraggiare ogni forma di dissenso e solidarietà attraverso:

- il daspo urbano (entrato in vigore con Minniti), che sarà esteso anche a presidi sanitari e agli ospedali, impedendo quindi alle persone senza fissa dimora di trovare riparo nei pronto soccorsi (come accade nel periodo invernale);

- la penalizzazione di occupazione di stabili e terreni (multe di migliaia di euro e fino a 4 anni di reclusione).

.-.-.-.

baobab unique experience on skills acquisition

A partire dal prossimo settembre, partirà un nuovo progetto, nato dall’idea e dal lavoro di un ospite del presidio umanitario di Piazzale Maslax, finalizzato all’incontro e al reciproco insegnamento di conoscenze tecniche.

Abbiamo iniziato a definire una road map delle competenze degli ospiti attualmente presenti al presidio, con l’idea di organizzarle e valorizzarle, come negli obiettivi principali delle attività svolte da Baobab 4 jobs.

Tra queste persone, abbiamo identificato possibili docenti per corsi di formazione gratuiti, che avranno inizio a settembre a Piazzale Maslax e saranno a beneficio di tutti coloro che dormono in tenda al presidio o vivono temporaneamente nei centri di accoglienza del Lazio, in attesa di avviare la procedura di richiesta d’asilo o in attesa della risposta della commissione territoriale.

Affinché il tempo trascorso in questo limbo non sia perso, a tutti sarà offerta la possibilità di frequentare i corsi di formazione tecnico-pratica “Baobab unique experience on skills acquisition”.

I docenti, gli stessi ospiti che hanno dimostrato di voler condividere le proprie conoscenze, saranno retribuiti e strumenti e materiali di lavoro reperiti grazie alle donazioni che riceveremo da qui a settembre.

Idee e competenze sono già disponibili tra le persone che le istituzioni vorrebbero mostrare come un'indistinta macchia nera sull'asfalto: per questo, l'attivazione di questi corsi sarebbe anche un'azione politica antagonista alla brevimiranza di chi ci governa.

Aiutaci a realizzare questo progetto, con una donazione e nella causale indica Baobab4jobs!

IBAN: IT72Y0359901899050188533521 – BIC/SWIFT: CCRTIT2TXXX

Paypal: baobabexperience@gmail.com

.-.-.-.

Buono per ogni occasione:

buoni regalo


.-.-.-.

Logo Baobab 4 Jobs

Da circa un anno Baobab Experience si trova a dover sostituire le istituzioni non solo nella prima accoglienza, ma anche nella formazione e nell’orientamento al lavoro per gli ospiti presso il presidio umanitario a Piazzale Maslax e i loro amici nei circuiti dell’accoglienza nel Lazio.

L’attività d Baobab 4 Jobs consiste nel/nella:
- consigliare scuole di italiano per stranieri gratuite a Roma;
- redigere curricula;
- seguire i ragazzi nell’iscrizione ai centri per l’impiego e, quando di età inferiore a 29 anni, al progetto Garanzia Giovani;
- insegnamento delle tecniche di ricerca del lavoro in autonomia;
- empowering;
- fundraising in caso di un progetto di studio o imprenditoriale;
- richiesta del riconoscimento dell’equipollenza dei titoli di studio.

Ad oggi le persone seguite sono 115, di età compresa tra i 18 e i 58 anni, tra cui 5 donne, con il diritto di lavorare e studiare grazie a:
- un documento C3 di sessanta giorni;
- un permesso di soggiorno (per rifugiati, per protezione sussidiaria, in attesa della risposta della commissione riguardo alla protezione internazionale o - in caso di ricorso al diniego- in attesa dell’esito).

Le persone seguite sono ospiti al presidio umanitario o presso centri di accoglienza finanziati dallo Stato per fornire anche servizi di orientamento al lavoro, ma che nella maggior parte dei casi non attivano un progetto concreto di autodeterminazione, che riteniamo essere l’unico vero strumento per una integrazione reale.

Fino ad ora sono 48 le persone che, dopo aver iniziato il percorso di orientamento con noi, hanno ottenuto un regolare impiego (a tempo determinato, indeterminato, a progetto o tirocinio formativo), una borsa di studio universitaria o una borsa di studio per un Master di I livello.

Spesso i migranti, per autosegregazione, immaginano per sé professioni che non prevedano la necessità di particolari qualifiche e così accade che un giovane del Mali, con una laurea in letteratura, si rivolga a noi con l’idea di trovare un lavoro come addetto alle pulizie, magari perché è la professione che per due anni ha svolto in Libia. Uno dei nostri obiettivi, durante la redazione del curriculum, è quello di permettere all’aspirante lavoratore di tornare a produrre un desiderio e quindi, scoprendo le peculiarità di ciascuna persona, immaginare con questa un soddisfacente percorso formativo e di ricerca del lavoro.

Baobab 4 Jobs si impegna ad aiutare le persone seguite nella ricerca di un’occupazione desiderata o di una borsa di studio e la relativa pagina facebook (https://www.facebook.com/baobab4jobs) ha lo scopo di condividere le loro competenze e istanze.

.-.-.-.-.

Caro lettore e consumatore,
vuoi finalmente leggere un'onorevole riga sul tuo estratto conto?
Da oggi puoi: la LIBRI NECESSARI ha finalmente il POS!


.-.-.-.-.

Medioevo di Michele Mari


Dal colophon:

Questo racconto inedito scritto da Michele Mari è stato impresso il 9 febbraio 2014 a Roma per conto delle Edizioni Accessorie. Ne sono state stampate venti copie numerate. Le prime dieci corredate da una linoleografia di Mila Audaci e le restanti da una xilografia di Edoardo Fontana.

-----------------------------------------------------------------

Luca Donnini Lover

Alla Libri Necessari sono in vendita le foto Corpustrip di LUCA DONNINI ed è possibile mirare (e acquistare) alcuni dei manifesti e le 'foto più piccole del mondo'

.-.-.-.-.

Antologia:
- Tre volte pazzo di John Donne, lettura di Monica Perozzi
- Crescita dell'amore di John Donne, lettura di Monica Perozzi
------------------------------------
- The Idea of Order at Key West, poesia e lettura di Wallace Stevens
- Final Soliloquy of the Interior Paramour, poesia e lettura d Wallace Stevens
- So & So Reclining on Her Couch, poesia e lettura di Wallace Stevens
- Lettera a Mr.Stevens
- Capsula petri
------------------------------------
- Temperatura esterna di Michele Mari, lettura di Hugo Doyle
------------------------------------
- Casa di Giotti poesie di Virgilio Giotti dette da Claudio Grisancich e video di Claudio Sepin
------------------------------------
- Danilo Dolci da Limone lunare letto da Francesco Cappello

-----------------------------------------------------------------
Oltre i 50,00 euro di acquisto le spese di spedizione in Italia sono a carico nostro
-----------------------------------------------------------------

Il nostro catalogo

-----------------------------------------------------------------

CATALOGO DELLE EDIZIONI EMILIANO DEGLI ORFINI - QUADERNI DELLA LIBRI NECESSARI

Logo Emiliano degli Orfini Roma

- Diario umano, Giovanni Amelotti, con una nota dell'Editore, Emiliano degli Orfini, Quaderni della Libri Necessari n.1, 2014, 10 euro
piatto di copertina di Diario umano di Amelotti


- Sette donne, Angiolo Bandinelli, con una nota di Giulio Braccini, Emiliano degli Orfini, Quaderni della Libri Necessari n.2, 10 euro

copertina di Angiolo Bandinelli

A Radio Radicale dibattito sulla raccolta di racconti “Sette donne” di Angiolo Bandinelli, pubblicata da Emiliano degli Orfini nei Quaderni della Libri Necessari.

In
studio con il conduttore Giuseppe Di Leo:
Marco Federici Solari
Guido Vitiello
Giulio Braccini
Michelle Müller
e l'autore Angiolo Bandinelli


- Questa Birberia del Leggere e Scrivere. Appunti di pedagogia pratica/1, Giulio Braccini, con una prefazione di Leonardo Tondelli, Emiliano degli Orfini, Quaderni della Libri Necessari n.3, 2016, 10 euro

Copertina Giulio Braccini

"La moralità di una pubblicazione sta nel voler essere letti. Questo libriccino esce ora, invece che stare a decantare un altro po' e a farsi arricchire, modificare, stravolgere dalle nuove esperienze, perché ora ha qualche minuscola chance di attirare una sia pur minima attenzione. Esce ora anche perché parte di ciò che vi è scritto è destinata a diventare rapidamente incomprensibile, via via che si avvicenderanno le ineluttabili riforme che affliggono (e più di rado beneficano) la scuola italiana."

Presentazione della Birberia di Giulio Braccini al Salone del Libro di Torino presso lo stand di Radio Radicale con Giuseppe Di Leo

.-.-.-.-.

piatto di copertina di Stevens

- Buona fortuna, amigo tropicale. Lettere a José Rodriguez Feo, Wallace Stevens, Emiliano degli Orfini Edizioni, Quaderni della Libri Necessari n.4, a cura di Michelle Muller, traduzione di Aldo Bandinelli. Prima edizione italiana. 10 euro

.-.-.-.-.

In corso di pubblicazione:

- Filosofia del Leopardi, Giovanni Amelotti
- Il Leopardi maggiore, Giovanni Amelotti

  .-.-.-.-.-.

Il sogno del lettore

.-.-.-.-.-.

Incisori e opere selezionati per la vendita in libreria:

Laura Stor
Aldo Burattoni Notte a piazza NuovaFinestra senza luce
Lolita Coli Siamo qui e Sogno di pace
Franco Donati Canti Pisani e Sara e Andrea
Gianni Favaro Il gigante e Petali e piume
Agnese Fontanarosa Arabesco e Onde della sera
Ugo Grazzini s.t. e s.t.
Sandro Guizzardi Bologna e Il vecchio e il bambino
Raffaello Margheri Toscana e Vaso di fiori
Enrica Melotti Fiori secchi nel vasetto e Renzo legge il giornale
Daniela Rosi Bruma e Dentro un'emozione
Pier Dario Galassi

.-.-.-.-.

libreria libri necessari makes it all come true

.-.-.-.-.

Questa è l’opinione personale della libraia:

credo che sia importante sostenere Baobab Experience attraverso donazioni, partecipando alle raccolte di beni e/o dedicando parte del proprio tempo alle attività di accoglienza, ma anche iscrivendosi a Baobab Experience schierandosi con il proprio nome e cognome, diversamente da come fanno le conventicole di quartiere.

L’iscrizione è partecipazione effettiva e solidarietà reale.

È possibile iscriversi all'associazione Baobab Experience Onlus pagando le quote di 30 - 50 oppure 100 euro tramite bonifico bancario a:
Carta EVO – Banca Etica
IBAN: IT72Y0359901899050188533521

evitiamo lapidi future

#iostoconbaobab perché si adopera per evitare future lapidi marmoree

.-.-.-.-.

Culturetrip local favourites